In offerta!

Shakespeare intermediale. I drammi romani

18,00 12,60

Collana:

Descrizione

Che cos’è l’intermedialità? In che rapporto si pone con la ri-mediazione e l’adattamento? Come può il testo teatrale di William Shakespeare costituire un esempio ante litteram di scrittura intermediale? In che modo il cinema ha ri-mediato il teatro shakespeariano, adattandolo alle proprie esigenze estetiche e commerciali? Queste sono alcune delle domande alle quali il presente libro si propone di rispondere, assumendo come oggetto principale di analisi i “drammi romani” di Shakespeare. Con Tito AndronicoGiulio Cesare, Antonio e Cleopatra, Coriolano e Cimbelino, infatti, Shakespeare si appropria delle storie e delle leggende su Roma antica che circolavano copiose nella società rinascimentale inglese e le adatta ad un palcoscenico, quello elisabettiano, che appariva agli uomini del tempo incredibilmente simile ad un anfiteatro romano. Così facendo egli divulga e al contempo costruisce per il primo pubblico di massa un’idea di Roma affascinante e inquietante. Si tratta di un gesto che il cinema non mancherà di emulare, facendo proprio e adattando a sua volta lo Shakespeare “romano” per il grande schermo con opere come Giulio Cesare e Cleopatra di Joseph Mankiewicz, Titus di Julie Taymor e Coriolano di Ralph Fiennes.

Informazioni aggiuntive

Autore

Maddalena Pennacchia Punzi

Formato

11 x 18

ISBN

978-88-97276-30-2

Pagine

256